Beppe Grillo sospende Pizzarotti: Il Sindaco pubblica su FB il dialogo con lo "staff"

Grillo sospende Pizzarotti dal M5S
Ecrit par

Beppe Grillo ha sospeso Federico Pizzarotti con un tweet ed il Sindaco di Parma ha reagito pubblicando su Facebook gli screenshot dell'inquietante email ricevuta dallo “staff”.

Due pesi e due misure? Probabilmente sì. Non parliamo soltanto della diversa predisposizione che i pentastellati mostrano quando devono parlare degli indagati degli altri partiti rispetto a quando si esprimono sugli indagati di casa, ma ormai ci sembra di notare scarsa coerenza anche nel trattamento riservato ai due principali indagati a 5 stelle: il Sindaco di Livorno Filippo Nogarin e quello di Parma Federico Pizzarotti. I più maliziosi penseranno che la maggiore cautela mostrata nel caso Nogarin sia figlia del fatto che Pizzarotti sia da sempre definito un “dissidente”, ma Beppe Grillo ha motivato la sospensione via tweet col fatto che, a quanto risulta, il primo cittadino parmense sarebbe stato da tempo a conoscenza dell'avviso di garanzia incombente senza farne parola con nessuno (ecco invece gli screenshot dei messaggi inviati a Di Maio e Fico che proverebbero il contrario). In poche parole, verrebbe imputata a Pizzarotti scarsa trasparenza.

Federico Pizzarotti ha deciso di rispondere alla presa di posizione del Movimento 5 Stelle con trasparenza notevole. Come potete vedere qui sotto, il Sindaco di Parma ha pubblicato sul suo profilo Facebook lo screenshot dell'inquietante conversazione avuta con il non meglio identificato “staff” di Beppe Grillo nella quale gli scriventi hanno richiesto tutto il materiale concernente l'avviso di garanzia per portare avanti una non meglio identificata istruttoria. La risposta dura di Pizzarotti, che si è rifiutato di fornire documenti delicati a personaggi che non si sono neppure firmati, deve aver convinto definitivamente lo “staff” a portare a termine la sospensione. E voi, cosa ne pensate? Diteci la vostra, se vi va, menzionando l'account Twitter ufficiale @meltybuzz_it.

Crediti: web