Beppe Grillo: La guerra social tra Vauro ed i pentastellati da tastiera

Vauro vs i grillini
Ecrit par

È in atto una vera e propria guerra social tra Vauro Senesi ed i sostenitori del M5S, che non hanno ancora digerito la vignetta su Casaleggio.

Vi sembra possibile etichettare Vauro come un piddino (o meglio, pidiota)? La cosa sembra abbastanza difficile da immaginare, considerando la fede comunista del noto vignettista in contrapposizione con la deriva sempre più centrista del Partito Democratico renziano, ma si sa che quando si tocca il Movimento 5 Stelle ci si espone agli insulti ed agli epiteti più disparati. Che il rapporto (per dire la verità mai idilliaco) tra Vauro ed il mondo pentastellato si fosse incrinato in maniera definitiva in seguito alla vignetta pubblicata all'indomani della morte di Casaleggio, ce ne eravamo già accorti, ma qui la situazione sta sfuggendo di mano.

La vignetta di Vauro

Il mondo pentastellato non aveva preso affatto bene l'idea di Vauro (anche se a tutti gli effetti ci sembra che la vignetta sia più su Beppe Grillo che su Casaleggio, ed in molti hanno sottolineato anche una certa vena malinconica, quasi tenera) e sono iniziate le diatribe da tastiera, a suon di “venduto”, “pidiota” e tutto il resto. La ciliegina sulla torta è arrivata il primo maggio, quando in numerose pagine vicine ai fan del Movimento 5 Stelle, è apparsa l'immagine che potete vedere al termine di questa frase.

Il post che svela la vera anima di Vauro

“Vauro e Marchini insieme, ma allora è un venduto ed un Pidiota!”, questo il senso del meme che ha fatto, come si dice in questi casi, il giro del web, anche se non capiamo il collegamento tra Marchini ed il PD. A chi ha postato questa immagine sulla sua bacheca, Vauro ha replicato che la foto era stata scattata ad uno spettacolo di Andrea Scanzi (il noto giornalista filo-renziano), a pochi metri di distanza dalla mitica Paola Taverna. Nonostante ciò, non c'è stato niente da fare: uno spettacolo di Scanzi non è bastato a mondare i peccati di Vauro. Alla fine, il noto vignettista ha provato a porre fine alla querelle con il post che potete vedere al termine del paragrafo, promettendo di non rispondere più alle polemiche innescate dai grillini. Staremo a vedere se questa particolare “storia d'amore” si è davvero conclusa in questo modo o se regalerà altri momenti pregevoli.

La risposta di Vauro
Crediti: web , Twitter