Barbie Xanax: Youtuber, romana e senza peli sulla lingua, intervista esclusiva

Marta Marcello, in arte Barbie Xanax
Ecrit par

Marta, in arte Barbie Xanax, è una blogger, ma soprattutto una delle poche youtuber donna. Dal cinema allo smalto, i suoi video sono istruttivi ma anche divertenti. Noi di meltybuzz.it, l'abbiamo intervistata per voi.

Una laurea in Teoria e Critica Cinematografica al Dams di Roma, accento romano e tanta simpatia: sono questi gli ingredienti principali di Barbie Xanax, alias Marta. Una delle poche youtuber femminili che è riuscita ad affrancarsi dai soliti stereotipi trucco-fashion-style. Non che lei non sia alla moda: alcuni suoi video suggeriscono prodotti in versione "poraccia", come usa definirli lei (cioè da non spenderci un occhio della testa), e c'è sempre l'immancabile tocco fashion (come il cagnolino che in un video sfoggia un vestitino rosso). Tuttavia i suoi video sono anche altro. Marta si occupa soprattutto di cinema, nelle sue video-recensioni, e di musica. E' riuscita anche a portare la sua passione sul red carpet del Festival di Roma, conducendo il programma “Carpet Diem”, in onda lo scorso novembre sul canale ufficiale della kermesse. Barbie Xanax riscuote molti consensi in Rete, ha due canali Youtube (Barbie Xanax e Barbie Xanax Factory) che nel complesso raggiungono le 20 mila iscrizioni, un blog e una pagina Facebook da 13 mila fan. Noi di meltybuzz.it l'abbiamo intervistata, e lei ci ha rivelato cosa pensa davvero di chi la critica e del mondo di Youtube...

Barbie Xanax: Youtuber, romana e senza peli sulla lingua, intervista esclusiva

Ciao Marta, o forse dovrei chiamarti Barbie Xanax... A proposito, come mai hai scelto questo nome? Diciamo che nel nome ho cercato di riassumere la mia visione della società di oggi. "Barbie" mi piaceva perché rimanda alla manipolazione del corpo, all'estetica e all'apparire che hanno preso il sopravvento nella nostra società. E lo Xanax è una sorta di conclusione a tutto ciò: la depressione, il suicidio (figurato) di una società.

Come è nata la tua passione per Youtube? Come sei approdata su questa piattaforma? Ti dirò, è stato per caso. Io nasco come semplice utente di Netlog, che è molto più "fotografico" rispetto a Youtube. All'inizio caricavo video stupidi in cui io e alcune amiche ci divertivamo a parlare di cavolate. Poi col tempo mi sono appassionata ad argomenti riguardanti più il mio campo (cinema) e ho scoperto che era molto più comodo e funzionale pubblicare i filmati su Youtube.

Raccontaci dei tuoi due canali. Di cosa tratti nell'uno e nell'altro, e a quale sei più affezionata? Il primo canale si chiama Barbie Xanax e qui posto i video più "seri", come le recensioni cinematografiche e gli incontri con scrittori o registi a cui partecipo. Questo canale mi piace molto, perché ovviamente c'è la mia passione dentro, quello che vorrei fare nella vita, ed è quello che ho creato per primo (nel 2007, ndr). Però sono affezionata anche al secondo canale, nato tre anni dopo, Barbie Xanax Factory: mi permette di staccare e divertirmi di più. Qui infatti carico video "random", che faccio per parlare di tutto ciò che mi colpisce: qui posso essere meno maestrina e più libera.

Qual è il video che ti sei divertita di più a girare? Mi è piaciuto molto quello del MAXXI, in cui vi porto in un tour in occasione della Mostra Playful Inter-Action. Era una cosa che mi appassionava, e sono rimasta sorpresa che abbia fatto tante visualizzazioni (circa 1500, ndr) pur essendo una cosa legata all'arte, che molte volte "stufa" i giovani.

Barbie Xanax: Youtuber, romana e senza peli sulla lingua, intervista esclusiva

In uno dei tuoi ultimi video hai annunciato la tua intenzione di promuovere altri youtuber che ti piacciono. Hai mai collaborato con qualcuno? Io parto dal presupposto di dire ciò che mi piace, a prescindere se questo possa giovare a me o alla persone di cui sto parlando e se io sto o meno simpatica a loro. Non ho mai avuto vere e proprie collaborazioni, anche se le proposte ci sono state: non mi hanno convinto. Poi penso che una collaborazione non debba avere doppi fini, odio tutte quelle polemiche sui feedback: uno youtuber, se è bravo, non dovrebbe avere bisogno di essere "pubblicizzato" da un altro, soprattutto se questo è più famoso di lui. A volte mi sento ingenua e anche stupida a fare questi discorsi, ma è come la penso.

A proposito di polemica, sai della bagarre che ha seguito l'uscita al cinema di "Fuga di cervelli", il botta e risposta tra Yotobi, Paolo Ruffini, Frank Matano ecc. Cosa ne pensi? Personalmente penso che "Fuga di cervelli" abbia avuto il merito di trasformare il mero trash in "trash socialmente consumabile". Ovviamente c'è stato un salto di visibilità e alcune critiche sono fondate. Trovo ridicole alcune risposte di Ruffini alla "Mostarda" di Yotobi, come quella in cui dice "Mentre facevi il video stavo facendo l'amore". In questo modo, invece di difendersi, ha fatto la figura del cretino solo per far vedere che lui è "un figo".

Tu hai studiato Critica Cinematografica al Dams: ti è servito nel mondo virtuale di Youtube avere questo background? Pensi che l'università italiana sia al passo con la multimedialità? Il Dams mi ha dato certamente delle basi da cui partire, e in alcune discipline ho anche studiato i social e il loro funzionamento. Tuttavia sono convinta che l'università da sola non basti: ti da un titolo riconosciuto socialmente, e questo è importante, ma poi ognuno dovrebbe continuare a studiare per conto proprio. Io l'ho fatto e lo sto facendo. C'è ancora troppa poca pratica negli atenei e anche i professori dovrebbero essere più propositivi. Almeno, questo è quello che penso dopo la mia esperienza.

A proposito di conoscenze e professionalità: i video li fai da sola o ti aiuta qualcuno? Di solito faccio tutto io, anche perché, come avrete potuto notare, la luce viene dalle finestre e non faccio grandi montaggi. A volte però mi aiuta il mio ragazzo, che è scenografo e scultore, e di queste cose se ne intende.

Ti hanno criticato spesso per il tuo accento e per come ti poni nei video... Come risponderesti a queste persone? Spesso le persone con me sono "razziste". Lo metto tra tante virgolette, ma il mio aspetto da barbie e il mio modo di parlare mi fanno passare troppe volte per quella che non sono. Io ho da offrire altro oltre i video divertenti in cui faccio un po' "la scema", e penso che si possa vedere chiaramente nei video delle recensioni. Penso che la gente dovrebbe essere più umile e giudicare meno dalle apparenze.

Qual è il tuo motto? Sicuramente "Conoscitore di te stesso, carnefice di te stesso", citazione di Niezsche.

Barbie Xanax: Youtuber, romana e senza peli sulla lingua, intervista esclusiva - photo
Barbie Xanax: Youtuber, romana e senza peli sulla lingua, intervista esclusiva - photo
Barbie Xanax: Youtuber, romana e senza peli sulla lingua, intervista esclusiva - photo
Crediti: web , Youtube, facebook