Ascelle colorate: la moda dal web

Roxie Hunt la creatrice della moda delle ascelle colorate
Ecrit par

La campagna web della hair stylist di Seattle che invita le donne a non tagliarsi i peli delle ascelle per contravvenire alle immagini canoniche dello stereotipo femminile. Guarda le foto su meltyBuzz.it

Chi dice che la bellezza femminile deve essere necessariamente conforme ai canoni che vengono proposti e veicolati dai media non corrispondano alla vera essenza femminile, troverà nella campagna di Roxie Hunt un valido mezzo di comunicazione. La hair stylist di Seattle ha infatti proposto di lasciar crescere il pelo sotto le ascelle e poi tingerlo con colori accesi come l’azzurro ed il verde. La tendenza attuale, almeno quella da una ventina d’anni a questa parte stigmatizza il pelo sotto l’ascella come qualcosa che di fatto non dovrebbe esistere nel corpo femminile, per cui pare che nessuna donna o quasi ne abbia più a costo di dolorose cerette ed altri sistemi per estinguere il pelo antifemminilità. Proprio contro questo sistema si schiera Roxie Hunt ed è lei stessa a far crescere e poi a tingere per prima i suoi peli sotto le ascelle. La storia del pelo sotto l’ascella è sintomo di trascuratezza e di mancanza totale di stile ed eleganza .Per fare un paio di esempi in “casa nostra” si può pensare a Diana Del Bufalo che canta “Io ce l’ho pelosa” oppure ad una triviale e giovanissima Manuela Arcuri nel celebre film di Carlo Verdone “ Viaggi di nozze” in cui propone un modo alternativo di acconciare il pelo sotto l’ascella per compiere un gesto anticonvenzionale.

Altri articoli su FemminismoGatti contro il femminismo: Il Tumblr Confused Cats Against FeministEmma Watson: Le reazioni su Twitter al discorso sul femminismoEmma Watson femminista, Fedez in lacrime, iPhone 6: "I Virus della Settimana"

Le foto della campagna di Roxie Hunt
Ascelle colorate: la moda dal web
Ascelle colorate: la moda dal web
La celebre scena del film di Carlo Verdone " Viaggi di nozze"
Crediti: web