Angela Merkel fa piangere la bambina? (VIDEO)

Angela Merkel fa piangere la bambina?
Ecrit par

Angela Merkel, la cancelliera della Germania e terrore dell’Europa, fa scoppiare in lacrime una povera bambina rifugiata rispedendola subito in Libano. Siamo sicuri sia andata proprio così?

Nuovo episodio che vede protagonista la cancelliera della Germania Angela Merkel, la politica cattiva per eccellenza dell’Unione Europea. La vicenda ha avuto luogo durante un incontro del capo del governo tedesco con dei ragazzi palestinesi rifugiati, in cui una di questi ha preso la parola spiegando: “Sono palestinese e vengo da un campo di rifugiati in Libano. Vorrei fare l’Università qui ma non so se rimarrò”. A questo punto la temibile Frau Merkel si è rivolta alla ragazza spiegandole: “Sei una ragazza molto simpatica, ma purtroppo la politica a volte è dura. Ti prometto che interverremo si questo tema, ma alcuni rifugiati dovranno tornare a casa, altrimenti la situazione diventerà insostenibile”. Durante le parole della cancelliera la giovane palestinese scoppia a piangere e la Merkel le si avvicina accarezzandola e rivolgendosi a lei con un “Sei stata bravissima a rappresentare la tua situazione e quella di tanti altri”.

Si potrebbe definire una situazione come tante altre, ovviamente accompagnata dalla spinosa tematica dell’immigrazione che vede diversi punti di vista in campo e sicuramente quello della Merkel ha uno stampo conservatore. Quello che potrebbe sembrare non del tutto corretto è come invece hanno titolato alcune testate, come ad esempio l’Huffington Post, che apre la notizia scrivendo: “Angela Merkel fa piangere una bambina rifugiata”. Certamente un titolo del genere garantisce una maggiore appetibilità dell’articolo, utilizzando chiaramente un’esagerazione dell’avvenimento, soprattutto perchè il resto dell’articolo è più coerente con la realtà che con questa frase. Si spinge ancora oltre il quotidiano Libero che sul proprio profilo Twitter accompagna il link alla notizia con il commento “Merkel crucca senza cuore. La piccola libanese chiede: "Ma perché non..." e lei: "Nein..." e scoppia in lacrime”, forse una maniera un po’ troppo semplicistica di trattare questi tipi di tematiche.

Crediti: web