Andrea Scanzi vs Maria Elena Boschi: sessismo fetish o salutismo anti-Renzi?

Scanzi, Boschi e Renzi
Ecrit par

L'ultima crociata di Andrea Scanzi si combatte a colpi di... piedi. Pur di colpire Renzi, il giornalista preferisce le fette di FI a quelle della Boschi. Ma il sessismo non c'entra.

"Sono dei piedi cicciuti che ‘spanciano’, sono grassottelli e in più ha anche la caviglia bruttina" , Andrea Scanzi dixit. Il giornalista del Fatto Quotidiano è tornato ieri ad occuparsi di podologia, intervenuto alla trasmissione radiofonica Rai “Un Giorno da Pecora” per bocciare le fette del ministro Maria Elena Boschi. Alla quale, il mattatore teatrale (apprezzatissimo da Anna Tatangelo) è arrivato persino a preferire la bella di Forza Italia Gabriella Giammanco, ex candidata di “Veline”. Come per dire: PD e FI sono intercambiabili. Ma la questione sessismo, evocata da alcuni sui social network, non ha luogo d'essere: quello di Scanzi non è un attacco deliberato dei suoi dalle pagine del FQ, bensì il prodotto di un simpatico siparietto con Geppi Cucciari e Giorgio Lauro, che ben conoscevano la passione fetish del loro ospite. Il quale ne ha comunque approfittato per lanciare l'ennesima stilettata all'arcinemico Matteo Renzi.

Andrea Scanzi vs Maria Elena Boschi: sessismo fetish o salutismo anti-Renzi?

Nel mare magnum di difetti imputati al n.1 del Governo c'è anche la sua progressiva lievitazione, il particolare che più di ogni altro ha contraddistinto Renzi nei suoi primi due anni di governo - "E se gli fossero cresciute le tette, avrebbe fatto anche l'annunciatrice", direbbe oggi Enzo Biagi. Dopo aver sparato sul "Tizio goffo e puntualmente improbabile (…) Jimmy Il Fenomeno che si convince di meritare l’Oscar (…) Mister Bean che si dimentica d’essere un fagiolo”, l'infraditologo Scanzi ha spostato il mirino sulla conterranea Boschi e sulla sua caviglia tozza, un modo come un altro per colpire il suo pigmalione politico “Con la faccia da pesce palla”. Non certo una novità, dato che in tempi non sospetti il nostro scriveva di “Karina Huff Boschi, troppo impegnata a chiedere ai suoi adepti di tagliare con l’accetta di Photoshop quelle 70-80 libbre di adipe ruspante da caviglie, cosce e glutei nelle foto a uso e consumo della propaganda (…) una che pare aver letto al massimo il Postal Market”.

Andrea Scanzi vs Maria Elena Boschi: sessismo fetish o salutismo anti-Renzi?

Insomma, più che una boutade maschilista quella di Scanzi sembra più una crociata contro i chili di troppo. Il potere tracotante del duo Renzi&Boschi nuoce al Paese come grassi e colesterolo alle vie circolatorie. Scanzi, in realtà, sta facendo servizio pubblico coniugando estetica e salutismo: Italiani, mettetevi in guardia da brufoli, doppi menti (come quello di Denis Verdini?), “omini sferici” (il portavoce del premier Filippo Sensi) e cellulite tra i banchi della maggioranza. Renzi è un "Vitellone dai Piedi di Boschi" - parafrasando Elio e Le Storie Teseparente del vecchio “Cinghialone” a Palazzo Chigi. Promuovendo i piedini della Giammanco, tra l'altro, Scanzi dimostra di apprezzare gli sforzi dietetici dell'ex PDL, tra il Berlusconi “vegetariano” folgorato dai Fagiolini da 80 euro e il Giovanni Toti post-beauty farm. Il potere ingrassa e rende avidi, l'opposizione fa più miracoli di un centro benessere. E che dire del Grillo a nuoto sullo Stretto?

Niccolò Inches (@niccolink)

Crediti: Archivi web, web