Andrea Diprè vs Zoo di 105: "Se continuano, attacco la sede", Diprè per meltyBuzz

Andrea Diprè contro lo Zoo di 105
Ecrit par

Come ogni giovedì torna la rubrica di Andrea Diprè per meltyBuzz. Questa settimana lo Diprè ci ha rivelato il "dietro le quinte" della lite con Marco Mazzoli e Alan Caligiuri dello Zoo di 105, e quali saranno le sue prossime mosse.

Nelle ultime settimane la bacheca Facebook di Andrea Diprè e quella dei conduttori dello Zoo di 105, Marco Mazzoli e Alan Caligiuri, si è riempita di insulti e accuse all'uno e all'altro indirizzo. Diprè ha insultato le madri di Mazzoli e Caligiuri, mentrei due lo hanno chiamato clown, "ricchione" e pervertito. Eppure negli ultimi giorni la polemica sembra essersi quietata, il che lascia pensare che non fosse solo una montatura pubblicitaria. Noi però volevamo saperne di più, e abbiamo fatto qualche domanda all'avvocato. Ad esempio, perché tra tanti che lo criticano, Diprè ha scelto proprio i due conduttori? E poi, non ha paura della reazione dei fan dello Zoo? Cosa ha intenzione di fare ora?

Andrea Diprè vs Zoo di 105: "Se continuano, attacco la sede", Diprè per meltyBuzz

"La faida con lo Zoo di 105 è nata per un insulto che ho ricevuto da Marco Mazzoli, che mi ha dato del "clown" - spiega l'avvocato - Un insulto che mi è stato riferito quando io ero a Las Vegas, e a cui ho risposto dicendo che la differenza fra me e lui erano i soldi, per il resto era anche lui un "clown". Quindi mi sono scagliato prima contro Mazzoli, che mi ha insultato in prima persona, poi anche contro Alan Caligiuri, che si è permesso di telefonarmi, disturbandomi".I fan dello Zoo di 105, dopo i primi video in cui Diprè insultava i due conduttori, hanno ragito con rabbia. Molti hanno difeso Mazzoli, avvertendo Diprè di stare molto attento alle loro reazioni. "A me delle conseguenze non interessa nulla. Io non ho mai valutato l'importanza dei social in base ai "mi piace" e ai complimenti. A me interessano le visualizzazioni, che siano positive o negative. E non ho paura di nulla".

"Per quanto mi riguarda la guerra è finita - rivela poi Diprè - non ho più intenzione di parlare di quelli dello Zoo, anche perché sto facendo loro pubblicità gratuita. Io me ne sto fermo e aspetto di vedere come si comportano, anche se non ho poi molto tempo di vedere cosa fanno o non fanno". E se loro non la pensassero allo stesso modo? "Certo che se loro continuassero con questa violenza verbale (hanno anche cercato di irretire i loro "zoozfili" per passare alle vie di fatto) io non esiterei a chiamare a raccolta tutti i dipreisti e sferrare un attacco diretto alla loro sede".

Crediti: facebook, archivio