Andrea Diprè: "Sogno le prostitute al potere in Italia"

Andrea Diprè con la prostituta Veronica Rodriguez
Ecrit par

Torna come ogni giovedì la rubrica di Andrea Diprè per meltyBuzz: stavolta l'avvocato parla ai suoi fan della legalizzazione della prostituzione. Amsterdam, Thailandia, Praga: qual è l'esempio migliore?

Andrea Diprè stupisce sempre gli utenti con le sue teorie estreme, tanto da essere diventato uno dei personaggi "most hated" del web. Dopo aver espresso la sua idea sulla COP21, il clima e l'ambiente, Diprè è passato a un argomento a lui più congeniale: la prostituzione. L'avvocato è famoso per la sua idea sul sesso, che dovrebbe essere libero e senza tabù, e per i suoi viaggi in mete da turismo sessuale per eccellenza: appena tornato dalla Thailandia, è in partenza per Cuba e progetta un viaggio a Praga, mentre Amsterdam è già nella collezione di paesi visitati. Nell'intervista sul soggiorno a Bangkok, Diprè aveva affermato che per lui gli unici motivi per visitare un posto sono fare sesso e drogarsi, proprio come insegna la sua "dottrina" dipreista. Ma se questa "religione" si instaurasse in Italia e lui fosse il capo supremo, come tratterebbe il problema della prostituzione illegale? Da quale, tra i tanti paesi visitati, prenderebbe spunto? Noi di meltyBuzz glielo abbiamo chiesto, e questo è ciò che ci ha risposto!

Andrea Diprè: "Sogno le prostitute al potere in Italia"

Ciao Andrea! Cosa pensi della prostituzione? Come la gestiresti in Italia? Attualmente sono in partenza per Cuba, quindi già da questa mia nuova meta, dopo la Thailandia, si capisce quanto io tenga alla prostituzione e al turismo sessuale. Se io fossi capo d'Italia, io sarei favorevolissimo alla legalizzazione della prostituzione, ma non solo: con me le prostitute e le escort formerebbero la classe dirigente.

Da quale paese prenderesti spunto? Sicuramente la Thailandia, che da questo punto di vista si comporta molto bene poiché lì le prostitute sono ovunque. Deve diventare un mestiere diffuso. Bene anche Praga ed Amsterdam, dove almeno ci sono i quartieri a luci rosse e una persona può usufruire legalmente delle prostitute. Ovviamente, per quanto la Thailandia sia un modello molto valido, Il mio ideale sarebbe nuovo e assoluto. Il lavoro di prostituta sarebbe equiparato ai mestieri più prestigiosi, mentre declasserei gli altri lavori.

Andrea Diprè: "Sogno le prostitute al potere in Italia"

Perché il lavoro di prostituta è così importante per te? Nulla è importante come il lavoro della prostituta, perché permette di avere un piacere continuo, costante e moltiplicato, cosa che non può dare un rapporto normale. Le prostitute si possono cambiare continuamente, quindi i rapporti moltiplicati e inattesi si possono avere solo in questo modo. Un paese civilizzato dovrebbe elevare le prostitute a classe dirigente. Adesso andrò a Cuba e prenderò spunto anche dal modello che troverò oltreoceano.

Crediti: andrea diprè, facebook