Andrea Diprè: "Le droghe mi hanno salvato la vita", i commenti del web

Andrea Diprè e le droghe che gli hanno salvato la vita
Ecrit par

Andrea Diprè ha postato una foto sul suo profilo Facebook in cui indossa una canotta con su scritto: "Drugs saved my life". Guardala e leggi i commenti degli utenti su meltyBuzz.it.

Andrea Diprè continua a promuovere l'uso delle droghe. Oramai ci abbiamo fatto il callo. Ricordate quando ci disse in esclusiva di voler organizzare un Expo delle droghe? E "Nel mio privé", il suo videoclip con Sara Tommasi, autentico omaggio alle visioni psichedeliche generate dall'uso degli acidi? D'altronde di che sorprendersi, visto che la droga - la cocaina in particolare - è uno dei cardini del "dipreismo", la religione fondata da Andrea Diprè, assieme al sesso e ai soldi? Questa volta lo youtuber più controverso d'Italia ha postato un'altra foto emblematica sul suo profilo Facebook. Direttamente da San Diego, Diprè si è fatto fotografare con una canottiera con su scritto "Drugs saved my life", le droghe mi hanno salvato la vita. "A me hanno salvato la vita", ci ha tenuto a sottolineare nel suo post, con tanto di emoticons a rappresentare le varie sostanze stupefacenti.

Gli utenti non sembrano aver gradito. Nel giro di pochi minuti infatti, la bacheca di Diprè è stata invasa dai commenti, quasi sempre negativi. C'è chi ha fatto riferimento alla morte del ragazzino di 16 anni a causa di una pasticca di Ecstasy: "E' morto un ragazzino di 16 anni pochi giorni fa per una pasticca... quella maglia mettitela nel culo", ha commentato Jiova senza peli sulla lingua. Mentre Gualtiero ha scritto: "Guardando la tua faccia e la qualitá intesa come contenuto dei tuoi video, dubito... contando la morte del ragazzino trovo ancora più conferma della mancata connesione tra neuroni e tutto il resto". Tra le varie offese, che per ovvi motivi non citiamo, c'è anche chi come Alessandro, si preoccupa per il successo che il post sta registrando: "La cosa preoccupante è leggere 665 mi piace", ha commentato. E voi, che ne pensate? Venite a dire la vostra twittando al nostro profilo ufficiale @meltybuzz_it.

Crediti: web