Andrea Diprè, la Diva del Tubo, Alberto Airola: La Top Video della Settimana

Andrea Diprè, la Diva del Tubo, Alberto Airola
Ecrit par

Andrea Diprè con la Diva del Tubo a Budapest, Alberto Airola dice ai colleghi di "andare a fanculo" per il ddl Cirinnà e Giovanardi vuole una legge sulle unioni "cane-padrone". Scopri la Top Video della Settimana.

Andrea Diprè e la Diva del Tubo sono partiti alla volta di Budapest per il loro primo viaggio insieme da coppia. Come era prevedibile però quella della coppia più provocatoria del web non è la classica vacanza romantica da fidanzatini e i primi video pubblicati sui loro canali social ne sono la prova. Infatti in una clip postata sulla sua pagina Facebook, Diprè ha mostrato ai suoi seguaci il suo incontro con Candy Alexa, già conosciuta lo scorso anno per la rubrica Diprè per lei, durante la quale la pornostar ungherese si era spogliata per donare i suoi vestiti ai rifugiati siriani. Ma non solo video hot, il soggiorno nella capitale dell’Ungheria è stato già caratterizzato da un insolito siparietto. Mentre la Diva e l’Avvocato camminavano per le vie delle città parlando dei dettagli piccanti di questa fuga, si è avvicinata una suora la quale ha chiesto ai due di donare qualche soldo per i senzatetto e di tutta risposta il critico d’arte di opere mobili ha provato a convertirla alla sua religione Dipreista.

Spostandoci in Italia, possiamo dire che la scorsa settimana è stata caratterizzata dall’approvazione delle Unioni Civili al Senato, con la votazione del DDL Cirinnà che per la prima volta riconosce le coppie di fatto, anche omosessuali, nel nostro paese. Come però succede spesso nel nostro Paese questa legge è stata caratterizzata dalle polemiche tra i diversi gruppi politici che in più di un’occasione sono ricorsi a insultarsi tra di loro. Così il capogruppo del Movimento 5 Stelle Alberto Airola ha concluso il suo intervento invitando i colleghi ad “andare a fanculo”, mentre Giovanardi ha voluto provocare tutti sostenendo che “se l’unione si basa sull’amore perché non riconoscere anche quella tra un cane e il suo padrone”.

Crediti: facebook, web