3 domande a: Ah ma non è Lercio

la pagina Facebook Ah ma non è Lercio
Ecrit par

Questa settimana la rubrica "3 domande a" fa visita ad una delle pagine più dissacranti e seguite di Facebook, “Ah ma non è Lercio” . Leggi le risposte degli ideatori su meltyBuzz.it.

di Laura Laportella

Con 106.047 fan su Facebook, la pagina “Ah ma non è Lercio” è diventata un punto di riferimento per l’informazione degli utenti a caccia di notizie insolite. Quest'oggi la rubrica"3 domande a" vi svelerà qualche retroscena. La pagina "Ah ma non è Lercio" gioca su notizie che sono realmente scritte su testate giornalistiche italiane, ma così assurde o trash da poter sembrare provenienti dalla pagina Lercio, che crea notizie fintamente assurde partendo da tematiche serie. I creatori della pagina preferiscono mantenere l’anonimato ed il riserbo sulle loro attività nella vita reale perché “abbiamo nemici potenti che aspettano solo di farci uscire allo scoperto... - dichiarano gli amministratori - La pagina in compenso è nata nel 2010, quando Lercio era ancora solo un aggettivo aulico.” In merito all’idea di far nascere la loro pagina, ci hanno raccontato che è tutto frutto di una loro intuizione, “dal momento in cui abbiamo avuto la consapevolezza che nella nostra epoca parodia e profezia si confondono.”

Altri articoli su 3 domande a3 domande a: Favio Bolo3 domande a: Shortology

In che modo riuscite a trovare le notizie, praticamente in tempo reale? Come si compone il vostro staff? Ovviamente grazie a una fitta rete di collaboratori insospettabili, almeno uno in ogni giornale, telegiornale e radiogiornale italiano che ci soffiano tutte le lerciate in tempo reale.

Perché secondo voi la gente si avvicina alle notizie "trash"? Ah, ma hanno un'alternativa? È un problema in parte causato della deriva culturale nei media in generale che producono deriva culturale nella popolazione, al quale da qualche anno si è aggiunta l'esigenza di dover rendere virale ogni cosa che ha amplificato il problema.

Cosa pensate del giornalismo attuale? Che fa fatica a far bene il suo lavoro finché continua a sforzarsi di andare d'accordo con il voler far profitto. Tuttavia ci sono molti ragazzi, di solito free-lance, che hanno ancora qualche ideale e che hanno il coraggio di prendere delle posizioni anche a costo di fare errori o inimicarsi qualcuno.

Crediti: Ah ma non è Lercio