#virginiaeroberto: L'intervista social all'ideatore del fotoromanzo virale

Roberto Giachetti vs Virginia Raggi
Ecrit par

Questa settimana per la rubrica "3 domande a" abbiamo intervistato l'ideatore del fotoromanzo virale #virginiaeroberto. Scopri di più.

Oggi è la vigilia dei ballottaggi che decideranno i sindaci che amministreranno le principali città italiane nei prossimi 5 anni. Dopo tanti scontri sembra quasi che molti, tra i tanti cittadini chiamati alle urne, tirino un sospiro di sollievo nel veder volgere al termine questa campagna elettorale, anche se al tempo stesso saranno un po’ spaventati dei prossimi 4 mesi che ci porteranno al voto referendario di ottobre. Nonostante questo duro scontro, che ha toccato toni particolarmente accesi a Roma tra Giachetti del PD e la Raggi del M5S, c’è chi è riuscito a osservare il tutto in maniera distaccata e molto ironica, regalando alla rete un fotoromanzo di altri tempi in grado di sdrammatizzare il rapporto burrascoso tra i due candidati sindaci. Si tratta di Giorgio Cappozzo e Idrossibenzoato i quali, occupandosi rispettivamente di sceneggiatura e illustrazione, hanno spopolato sui social con l’hashtag #virginiaeroberto. Per la nostra rubrica 3 domande a abbiamo chiesto al primo dei due di parlarci di quello che è diventato un vero e proprio fenomeno virale, il quale si presenta così: “Io di mestiere faccio l’autore. Lavoro prevalentemente per la televisione, in programmi culturali e di varietà. Coordino la satira del mensile Linus e scrivo in giro, anche sui muri”.

L'ultima puntata del fotoromanzo #virginiaeroberto

Come e quando ti è venuta l'idea di creare questo fotoromanzo? Appena ho visto Giachetti e Raggi nella stessa inquadratura mi sono detto: ma quanto sono belli! ma quanto stanno bene insieme, ma perché non si baciano subito, ora, adesso? Allora ho buttato giù un dialogo immaginario e l’ho pubblicato sulla mia bacheca Facebook. Dopo un po’ l’amico Idrossibenzoato (vero nome all’anagrafe: Metil p-idrossibenzoato Metil paraidrossibenzoato Tegosept Mycocten Nipagina) mi ha girato in posta il dialogo fotoromanzato. Bello, ci siamo detti. E tra una limatura e una maggiore attenzione alla regia delle immagini abbiamo deciso di pubblicare la love/spy story a puntate.

Come tutto ha avuto inizio...

Che cosa ti ha colpito di questo confronto per il ballottaggio del Sindaco di Roma e chi pensi vincerà alla fine? È un ballottaggio tra due persone poco conosciute, con dietro un movimento e un partito molto impegnativi, entrambi carucci, e con l’espressione di chi sa che si stanno infilando in una cosa molto più grade di loro. Di chiunque, forse. Alla fine vincerà uno dei due.

Questo fotoromanzo è diventato virale. Quali sono le ragioni di questo successo? Pensi di essere riuscito a cogliere il paradosso di quest'acceso scontro? In tempi di scontri feroci, di toni incazzosi, di freddezza e crisi, imboccare la via dell’amore fa sempre piacere. Stempera la tensione. È la terza opzione del ballottaggio. Sarebbe bello se il fotoromanzo potesse tornare di moda anche tra noi giovanissimi grazie ai social. Risolverebbe in poche mosse il gap tra la nostra generazione e quella nata dopo la guerra (la prima).

Crediti: web