Selvaggia Lucarelli nella bufera per i Bagni misteriosi

Selvaggia Lucarelli ai Bagni misteriosi
Ecrit par

Una recensione di Selvaggia Lucarelli su “Bagni misteriosi”, nuova piscina milanese, non è piaciuta proprio a tutti.

Selvaggia Lucarelli non perde un colpo (e una polemica). Dopo l’attacco a Emma Marrone e al suo bikini, dopo il suo parere negativo sulle ballerine da uomo, l’influencer si è dedicata a demolire “Bagni misteriosi”, nuova piscina radical chic di Milano. Il suo articolo per Il Fatto Quotidiano è in perfetto stile lucarelliano: “Hanno riaperto la piscina Caimi. Intanto non si chiama più "Caimi" ma "I bagni misteriosi" come il complesso scultoreo di De Chirico, particolare che già suggerisce una precisa scelta di campo: i coatti attratti da tutto quello che ha il prefisso Acqua o Aqua vedi Acquamania, aquapark e affini stiano alla larga”. La blogger si è scatenata contro il mood radical chic del posto: “L'ingresso intero costa 14 euro, che è esattamente il doppio che al Lido e alla Argelati così i truzzi con sei figli stanno lontani. Ma a rendere veramente radical chic il costo non è il prezzo intero. È la riduzione. In pausa pranzo dalle 12,30 alle 14,30 paghi dieci euro e hai in omaggio cosa? Due braccioli? Un Calippo alla fragola? No, una spremuta” (…) “Il bar della piscina infatti è stato dato in gestione a coloro che gestiscono la cascina Cuccagna che è un posto molto bello in cui mangiare a Milano ma ecco, lievemente radical chic. Per intenderci, è più o meno tutto bio, Km zero, vegetariano, senza glutine e rigorosamente rintracciabile” e così via (su Facebook l’influencer ha riportato l’articolo completo). Ma la direttrice Andree Shammah evidentemente non ha gradito l’ironia della Lucarelli e si è scatenata con “post sgrammaticati” contro la suddetta, “commentati dai suoi amici snob”. Voi cosa ne dite? Il distruttivismo della Lucarelli ha stancato tutti o solo alcuni?

Crediti: Archivio web