Selvaggia Lucarelli: Nuove polemiche su “Bagni misteriosi”

Selvaggia Lucarelli e i Bagni Misteriosi
Ecrit par

Continuano le repliche e le controrepliche della bagarre su “Bagni misteriosi”: ecco le nuove dichiarazioni di Selvaggia Lucarelli.

Proseguono gli attacchi di Selvaggia Lucarelli dopo il sarcasmo su “Bagni misteriosi”, la nuova piscina radical chic di Milano. Sarcasmo che evidentemente a qualcuno non è piaciuto. L’articolo ha fatto scalpore, “non perché fosse un pezzo al vetriolo, anzi, ma perché ho punzecchiato una casta di intoccabili totalmente disabituata a subire e praticare l'ironia. Si è espressa perfino la Sotis definendomi una selvatica e aspirante radical chic” esordisce la Lucarelli, che ha scritto un nuovo lunghissimo post su Facebook. Riassumendo: la cricca dei Bagni si è offesa e Selvaggia non ci sta a farsi denigrare da quelli “di Milano con la puzza sotto al naso”. Ma l’influencer decide di preparare una risposta delle sue, al vetriolo, solo contro la Shammah.

“Gentile signora Andrèe Ruth Shammah, intanto la ringrazio per i toni pacati e degni della direttrice di un teatro che promuove cultura e civiltà. Credo che se avessi stroncato un film del Monnezza Thomas Milian avrebbe protestato con più educazione. Si vede che i radical chic oltre ad essere finti figli dei fiori, finti semplici, finti poveri e finti sinistroidi sono pure finti educati” è l’ouverture della Lucarelli, che ama esprimersi su Facebook: “Riguardo invece il “cretina” affibbiato con nonchalance, io che vengo da Civitavecchia e in piscina mangio pane e mortazza non restituisco offese al mittente. Anche l’educazione dovrebbe essere a km 0 e andrebbe praticata da vicino, mica solo il formaggio dei suoi tramezzini”. Poi l’influencer contesta punto per punto gli svantaggi della piscina radical chic. Troppo lunghi per elencarli tutti (ma potete trovarli qui); a questo punto il “caso” della piscina rischia di diventare seriamente l’argomento numero uno dell’estate. Altro che i bei tempi in cui si parlava del Festivalbar.

Crediti: Archivio web